.terza puntata: lo schema dell’habitat.

La cronaca della serata racconta di una partita veramente intensa, giocata con agonismo e determinazione.
Qualche citazione sui singoli.
Un brillantissimo Rosario, al ritorno da New York, sciorina un monologo sull’evoluzione del concetto di mito, e in una sola frase lega l’esperienza di Ulisse e le colonne d’Ercole, il futurismo e la partecipazione degli individui nella società di oggi.
Rischia il linciaggio e se la cava estraendo due pacchi da 500 di m&m’s che calmano la situazione.
Francesca arriva in ritardo, guarda due fogli enormi pieni di insight e la prima bozza del nuovo habitat di marca con lo stupore di un bambino al planetario.
Edoardo litiga in un brain storming a tre con Chiara e Alessandra sui temi della tecnologia, su cosa significhi oggi entertainment, sui videogiochi, sul cinema 3d e su ogni altro argomento del dibattito. Ad un certo punto una strategica Chiara sciorina a voce alta la parola “sesso” e Edo si tranquillizza.
Matteo, corre sul campo, convince i suoi compagni sul fatto che Alfa Romeo dovrebbe fare qualcosa di attuale, di moderno e non continuare solamente a suon di spot sui modelli, e alla fine della serata, quando finalmente tornano i conti tra mito, marca, modelli e futuro, cerca un giornalista per rilasciare un’intervista sulla felicità.
Nadia inizia un fantastico discorso sulla voglia di fare, sulla libertà e sulla necessità per la nostra marca di trasmettere emancipazione piuttosto che imporre un’immagine alla quale aderire, coniuga al modo possibile una serie di verbi come rendere, tendere e accedere. Poi qualcuno porta la pasta e lei capisce che ha già dato il massimo.
Alla fine rimane sul parquet una grande idea di habitat per Alfa, di cui siamo molto emozionati, che sembra in grado (almeno per stasera) di risolvere tutti i temi cui gli insight avevano dato voce e che ci fa intravedere un grande futuro per il nostro lab. Insomma, la partita si chiude quasi alle 23, con una gran voglia di martedì prossimo!

☺ PS: Si ricorda ai partecipanti che la luce del bagno è sulla destra. Quella sulla sinistra è la caldaia e stamattina, come ogni mercoledì, era spenta!

6 marzo 2012 – Brand Habitat Lab